| | | |

Mondiale U20 femminile: le azzurrine sul tetto del mondo, 3-0 alla Serbia

Pubblicato il 18/07/2021
18/07/2021
In Aggiornamento: 

Trionfo azzurro a Rotterdam, la nazionale under 20 femminile di Massimo Bellano ha conquistato il titolo mondiale, battendo 3-0 (25-18, 25-20, 25-23) in finale la Serbia. Le azzurrine, a distanza di 10 anni dal successo di Lima con Marco Mencarelli, sono tornate a conquistare il titolo più ambito a livello juniores.
La vittoria delle ragazze di Massimo Bellano è stata la degna conclusione di un cammino fantastico: 8 vittorie in altrettanti incontri, piegando di forza tutte le avversarie affrontate. Lo stesso destino è toccato oggi alla Serbia, già superata nettamente nella fase a gironi con un secco 3-0.
Per Massimo Bellano quella odierna rappresenta l'ennesima medaglia della sua esperienza azzurra, tra Europei e Mondiali il tecnico italiano non è mai sceso dal podio: 2018 Oro Europeo juniores, 2019 Argento Mondiale juniores, 2021 Oro Mondiale juniores, mentre nel 2020 l'Italia non ha preso parte all'Europeo a causa della pandemia.
A distanza di due anni la formazione tricolore, che nel 2019 ottenne l’Argento in Messico, si è confermata al vertice mondiale, mettendo a frutto il lavoro del Club Italia e delle squadre di appartenenza delle ragazze: Volleyrò Casal de pazzi, Imoco Volley Conegliano e Uyba Volley Busto Arsizio.

Nel primo set l'Italia ha subito imposto la propria pallavolo, mettendo in grossa difficoltà le avversarie (8-4). La difesa e il contrattacco delle azzurre ha funzionato alla perfezione e le avversarie sono scivolate ancora più indietro (14-8). La Serbia ha tentato timidamente di replicare, ma le ragazze di Bellano hanno chiuso con un perentorio (25-18).

Più combattuta la seconda frazione, nel corso della quale Italia e Serbia hanno dato vita a un fitto botta e risposta (10-10). La nazionale balcanica ha tentato anche l'allungo (10-12), ma le azzurrine hanno risposto prontamente (14-14). Il muro delle ragazze di Bellano ha bloccato più volte le attaccanti avversarie (16-14) e così la formazione tricolore ha piazzato il break decisivo (25-20).

Combattuto il terzo parziale, le azzurrine si sono ritrovate sotto (14-17), ma non si sono fatte prendere dalla paura e con calma hanno ricucito (17-17). Le fasi successive hanno confermato un sostanziale equilibrio che è durato fin sul (21-21). Nel momento decisivo a rompere la parità è stata l’Italia, inarrestabile sino al definitivo (25-23) che vale il secondo titolo mondiale nella categoria juniores femminile della storia del volley azzurro.

Al terzo posto si è classificata la Russia che nella finale per il Bronzo ha battuto 3-2 (16-25, 23-25, 25-22, 25-22, 22-20) l'Olanda.

Tabellino: Italia - Serbia 3-0 (25-18, 25-20, 25-23)

Italia: Graziani 9, Guiducci 3, Omoruyi 11, Frosini 11, Gardini 12, Nwakalor 3, Armini (L). Ituma 3, Monza, Nervini 4. N.e: Cagnin, Consoli, All. Bellano 
Serbia: Cvetkovic 5, Kurtagic 4, Mandovic, Kockarevic 10, Osmajic 3, Savic 2, Gocanin (L). Tisma 3, Tika 12, Pakic, Uzelac 1, Malesevic 5. All. Vasovic
Arbitri: Cardoso (BRA) e Casado (ARG).
Durata: 28', 28', 35'.  
Italia: 6 a, 7 bs, 11 mv, 16 et.
Serbia: 4 a, 8 bs, 5 mv, 19 et.

Il curriculum del tecnico Massimo Bellano

Massimo Bellano è nato a Termoli (CB) il 15 maggio 1975. Ha iniziato la sua carriera da tecnico a metà degli anni novanta nella Pgs Andor Legnaro, formazione padovana con la quale matura le sue prime esperienze nel settore giovanile femminile. All’inizio degli anni 2000 è passato alla Riviera Volley in B1. Ha vissuto poi una parentesi alla guida di una formazione maschile, la Pool Volley Piovese. Nel 2005 è passato alla Gaiga Verona, è stato alla guida della squadra veneta per quattro stagioni. Nel 2009 è approdato a Ornavasso, in B1, e in cinque anni è riuscito a trascinare la squadra alla conquista di due Coppa Italia di B1 (2010 e 2011). Nel 2012 ho portato la formazione piemontese in A2 e l’anno successivo ha conquistato la prima storica promozione in Serie A1.
Nel 2014 si è seduto sulla panchina della Savino del Bene Scandicci, club nel quale è rimasto fino al febbraio 2016. Nella stagione successiva è passato allaLardini Filottrano, in Serie A2, dove ha vinto la Coppa Italia di A2 e conquistato la promozione nella massima serie.
Nel 2017 è stato scelto per guidare il Club Italia Femminile. Ha allenato la squadra federale per quattro stagioni (tre in A2 e una in A1) prima del trasferimento a Il Bisonte Firenze.
Contestualmente è stato nominato tecnico della Nazionale Under 19/20 femminile, con le azzurrine ha conquistato nel 2018 una medaglia d’oro ai Campionati Europei Under 19 e nel 2019 una medaglia d’argento ai Campionati del Mondo Under 20.
Nel 2021 ha guidato le azzurrine al secondo storico trionfo nel Campionato del Mondo Under 20 a Rotterdam, battendo in finale la Serbia 3-0.

Le 12 Azzurrine

2. Emma Graziani 
Nata il 16/08/2002 a Livorno, altezza 190 cm, Centrale, Volleyrò Casal de pazzi.

4. Julia Ituma 
Nata l’08/10/2004 a Milano, altezza 191 cm, Opposto, Volleyrò Casal de Pazzi.

5. Sofia Monza 
Nata l’11/05/2002 a Rho (MI), altezza 174 cm, Palleggiatrice, Uyba Volley Busto Arsizio.

6. Gaia Guiducci (Capitano)
Nata il 09/03/2002 a Roma, altezza 175 cm, Palleggiatrice, Volleyrò Casal dè Pazzi.

7. Claudia Consoli
Nata il 04/02/2002 a Roma, altezza 180 cm, Centrale, Volleyrò Casal dè Pazzi.

9. Loveth Omoruyi
Nata il 25/08/2002 a Lodi, altezza 184 cm, Schiacciatrice, Imoco Volley Conegliano.

10. Martina Armini 
Nata il 19/09/2002 a Marino (RM), altezza 175 cm, Libero, Volleyrò Casal dè Pazzi.

11. Stella Nervini 
Nata il 10/09/2003 a Milano, altezza 184 cm, Schiacciatrice, Volleyrò Casal dè Pazzi.

12. Giorgia Frosini 
Nata il 29/11/2002 a Bologna, altezza 188 cm, Opposto, Imoco Volley Conegliano.

13. Beatrice Gardini 
Nata l’1/04/2003 a Ravenna, altezza 185 cm, Schiacciatrice, Volleyrò Casal dè Pazzi.

16. Emma Cagnin
Nata il 26/06/2002 a Castelfranco Veneto (TV), altezza 186 cm, Schiacciatrice, Imoco Volley Conegliano.

17. Linda Nwakalor 
Nata il 17/09/2002 a Lecco, altezza 187 cm, Centrale, Volleyrò Casal dè Pazzi.

Lo staff azzurro: Massimo Bellano (Allenatore), Matteo Azzini (secondo allenatore), Mauro Tettamanti (Assistente Allenatore), Domenico Capodiferro (Medico), Daniele Dailianis (Fisioterapista), Alberto Salmaso (Scoutman), Elena Colombo (Team Manager). Non hanno preso parte alla trasferta: Tommaso Magnani (Preparatore Atletico) e Alessandro Parise (Scoutman-Videoman). 

Il medagliere delle azzurrine ai Campionati del Mondo Juniores
1997 Argento (Gdansk); 2011 Oro (Lima); 2015 Bronzo (Caguas), 2019 Argento (Aguascalientes); 2021 Oro (Rotterdam).

Albo d’Oro Campionati del Mondo Under 20 femminili        
1977 (San Paolo) Corea del Sud, 1981 (Città del Messico) Corea del Sud, 1985 (Milano) Cuba, 1987 (Seoul) Brasile, 1989 (Lima) Brasile, 1991 (Brno) U.R.S.S, 1993 (Brasilia) Cuba, 1997 Danzica (Russia), 1999 (Edmonton) Russia, 2001 (Santo Domingo) Brasile, 2003 (Thailandia) Brasile, 2005 Ankara (Brasile), 2009 (Baja California) Germania, 2011 (Lima) ITALIA, 2013 (Brno) Cina, 2015 (Caguas) Repubblica Dominicana, 2017 (Boca del Rio e Cordoba) Cina, 2019 (Aguascalientes) Giappone, 2021 (Rotterdam) ITALIA

 

Importanza 1

Importanza 2

Importanza 3

Importanza 4

Importanza 5

2021, Designed & Developed by GEB Software. All Rights Reserved.