Mondiale 2018: l’Italia cede 2-3 alla Russia, ma è qualificata per la fase finale

Pubblicato il 22/09/2018
22/09/2018

Nel Campionato Mondiale maschile 2018 è arrivata la prima sconfitta per la nazionale italiana, superata 2-3 (25-19, 18-25, 21-25, 25-19, 11-15). Il ko, però, è reso meno amaro dalla qualificazione alla fase finale di Torino, dove dal 26 al 28 settembre scenderanno in campo sei squadre.
Davanti a una cornice di pubblico ancora una volta magnifica, 12800 spettatori e 249.680 euro d’incasso, i ragazzi di Blengini hanno iniziato alla grande il match e con un primo set praticamente perfetto hanno messo in netta difficoltà i russi. Nel secondo e terzo, invece, il copione si è ribaltato e i campioni d’Europa hanno imposto il proprio gioco. Con cuore e carattere nel quarto set Zaytsev e compagni sono stati capaci di tornare in partita e prolungare la gara al quinto.          
Il tie-break è stato in equilibrio sino all’8-9, poi i russi hanno trovato l’allungo decisivo, rilanciandosi prepotentemente in chiave qualificazione al round successivo.     
In virtù del risultato di oggi, la nazionale tricolore non solo si è qualificata alla terza fase, ma ha ipotecato il primo posto nella Pool E. Oltre all’Italia sono già sicure di un posto per la final six di Torino (26-28 settembre): Brasile, Stati Uniti e Serbia.
Domani nell’ultimo match della seconda fase la squadra azzurra saluterà Milano, affrontando l’Olanda (ore 21.15 con diretta su RaiDue).           
Come formazione iniziale il ct Blengini ha schierato Giannelli in palleggio, opposto Zaytsev, schiacciatori Lanza e Juantorena, centrali Anzani e Mazzone, libero Colaci.    
Dal terzo set in poi Gabriele Maruotti ha preso il posto di Filippo Lanza.    
Primo set magistrale quello giocato dall’Italia, gli azzurri hanno difeso al massimo sin dal primo pallone e la Russia è andata fuori giri commettendo diversi errori (7-2). Le battute di Mazzone e Juantorena, aggiunte all’ottima distribuzione di Giannelli, hanno permesso alla nazionale tricolore di mantenersi saldamente al comando (16-12). I russi (dentro Butko per Grankin) hanno tentato di replicare con il muro (17-15), ma l’Italia ha ritrovato velocemente il proprio ritmo e non si è più fermata (25-19). Molto diverso l’andamento del secondo parziale, i russi sono partiti forte e spinti da Mikhaylov si sono portati in testa (8-12). Rispetto al set precedente l’attacco azzurro non è stato così brillante, mentre il muro avversario si è fatto sentire (13-17). Il lungo e prolifico turno in servizio di Butko ha aumentato ancora di più le distanze (13-21) e i ragazzi di Blengini hanno dovuto cedere (18-25).
I campioni d’Europa hanno continuato a dettare il ritmo anche nel terzo set, costringendo l’Italia a inseguire (5-10). Muserskiy e Mikhaylov hanno condotto i compagni sino al (15-21), momento in cui gli azzurri, con Zaytsev in testa, le hanno provate tutte per rientrare (20-22). Il grande sforzo della nazionale tricolore, però, non è servito a ribaltare le sorti della frazione (21-25).        
Le prime fasi del quarto set hanno visto ancora una volta i russi staccare gli azzurri (2-5) e allora Blengini è ricorso immediatamente al time-out. A scuotere l’Italia è stato il turno di battuta di Osmany Juantorena, grazie al quale i ragazzi di Blengini hanno ripreso fiducia (9-7). La nazionale tricolore, spinta dal tifo incessante dei 12800 del Forum, è tornata quella del primo set: tante difese e ritmo travolgente in attacco (18-14). Punto dopo punto Zaytsev e compagni hanno piegato la resistenza degli avversari, superati (25-19).
Nel tie-break le due squadre hanno dato vita a un prolungato botta e risposta (8-9), finché la Russia ha piazzato l’allungo decisivo e si è aggiudicata la vittoria (11-15).            
SIMONE ANZANI: “È stata una partita importante che ci ha dato molte indicazioni per capire a che punto siamo arrivati. Penso che il fatto di essercela giocata alla pari contro una squadra fortissima come la Russia sia un segnale molto positivo. La cosa poi più importante è aver già ottenuto il primo posto nel girone e la qualificazione per la fase di Torino: lì vedremo quello che verrà. Prima del prossimo round dobbiamo affrontare l’Olanda e ce la metteremo tutta anche per ripagare questo splendido pubblico di Milano.”       
DANIELE MAZZONE: “Siamo dispiaciuti per la sconfitta, ma il fatto che la squadra ha lottato sino alla fine è un segnale importante. Abbiamo centrato il nostro obiettivo, siamo già certi del primo posto e soprattutto della qualificazione alla fase finale. Domani affronteremo l’Olanda e poi sfrutteremo i giorni di riposo per presentarci al meglio a Torino”.

Tabellino: Italia-Russia 2-3 (25-19, 18-25, 21-25, 25-19, 11-15)   

ITALIA: Mazzone 7, Giannelli 3, Juantorena 16, Anzani 7, Zaytsev 21, Lanza 7. Libero: Colaci. Maruotti 5, Nelli, Baranowicz. N.e: Cester, Candellaro e Rossini (L). All. Blengini

RUSSIA: Grankin, Volkov 12, Kurkaev 6, Mikhaylov 18, Kliuka 10, Muserskiy 15. Libero: Verbov. Butko 3, Poletaev, Sokolov (L), Volvich 5, Berezhko. N.e: Vlasov e Rodichev. All. Shliapnikov

Arbtri: Wojciech (Pol) e Turci (Bra).

Spettatori:12800. Durata Set: 31', 28’, 34’, 29’, 17’.  

Italia: 9 a, 24 bs, 2 m, 34 et.

Russia: 9 a, 21 bs, 11 m, 31 et.        

Risultati, Classifica e Calendario (Pool E)

22 settembre: Olanda - Finlandia 3-1 (25-19, 23-25, 25-16, 25-13); Italia-Russia 2-3 (25-19, 18-25, 21-25, 25-19, 11-15).

Classifica: Italia (6v 19 p), Russia (5v 15p), Olanda (5v 14p), Finlandia (2v 6p).

Calendario: 23 settembre: ore 17 Russia - Finlandia; ore 21.15 Olanda - Italia. 

Palinsesto Rai - Seconda Fase              
23 settembre: Russia-Finlandia diretta ore 17 diretta su Raisport+HD; Italia-Olanda diretta ore 21.15 su RaiDue; Belgio-Brasile differita ore 00.00 del 24 settembre su Raisport+HD.        

 

 

Importanza 1

Importanza 2

Importanza 3

Importanza 4